Si avvicinano i giorni della vendemmia per il MOSCATO d’ASTI e l’ASTI Docg

UvaMoscato

Si avvicinano i giorni della vendemmia per il MOSCATO d’ASTI e l’ASTI Docg

Al via i primi di settembre: si prospetta un’annata promettente.

Il Consorzio per la Tutela dell ASTI comunica che le  Aziende  e le Cantine  sociali, sulla base dei campionamenti  e delle analisi delle uve effettuate  dal Laboratorio di analisi,  hanno definito l’avvio della vendemmia per i  primi giorni di settembre.

Si tratta di un ritorno alla tradizione, o alla “normalità”, visto che storicamente il Moscato bianco  atto a divenire Asti dolce, secco e Moscato d’Asti docg veniva vendemmiato  proprio da inizio settembre, mentre negli ultimi anni, causa i cambiamenti climatici, l’inizio veniva  anticipato nel  mese di agosto.

Come di consueto, la vendemmia partirà nelle zone ‘precoci’ da Strevi a Nizza Monferrato, per proseguire nelle zone più tardive del Cuneese e S. Stefano Belbo.  Faranno  eccezione alcune vigne dedicate a progetti speciali che stanno per raccogliere i primi grappoli in questi giorni.

Lo stato delle uve e’ buono dal punto di vista sanitario, e l’annata è promettente .

Il clima  di questi mesi, infatti, caratterizzato da frequenti piogge e forti escursioni termiche,  ha favorito lo sviluppo del potenziale aromatico dell’uva, che sta raggiungendo, settimana dopo settimana livelli molto alti.

Avremo quindi un Asti dolce, un Asti secco e un Moscato d’Asti docg ricchi di quel profumo ineguagliabile che li caratterizza e rende unici nel mercato mondiale.